Una nuova analisi mostra che probabilmente esistono molti più esopianeti simili alla Terra con acqua allo stato liquido di quanto si pensasse. Il lavoro rileva che anche dove le condizioni non sono ideali per l’esistenza di acqua allo stato liquido sulla superficie di un pianeta, l’acqua potrebbe essere presente sotto la superficie del pianeta.

Presentando il lavoro alla conferenza di geochimica Goldschmidt a Lione, il ricercatore capo Dr. Lujendra Ojha (Rutgers University, New Jersey, USA) ha dichiarato: “ Sappiamo che la presenza di acqua allo stato liquido è essenziale per la vita. Il nostro lavoro mostra che quest’acqua può essere trovata in luoghi che non avevamo considerato sufficientemente in precedenza. Ciò aumenta notevolmente le possibilità di trovare ambienti dove la vita potrebbe, in teoria, svilupparsi ”. I ricercatori hanno scoperto che anche se la superficie di un pianeta è ghiacciata, ci sono due modi principali per generare abbastanza calore da permettere all’acqua di liquefarsi nel sottosuolo.

Lujendra Ojha ha dichiarato: “Come terrestri, al momento siamo fortunati perché abbiamo la giusta quantità di gas serra nella nostra atmosfera per rendere l’acqua stabile allo stato liquido sulla superficie. Tuttavia, se la Terra dovesse perdere i suoi gas serra, la temperatura media della superficie globale sarebbe di circa -18 gradi Celsius e la maggior parte dell’acqua sulla superficie congelerebbe completamente. Qualche miliardo di anni fa, questo è realmente accaduto sul nostro pianeta e l’acqua sulla superficie si è completamente congelata. Tuttavia, questo non significa che l’acqua fosse completamente solida ovunque.

Ad esempio, il calore della radioattività nelle profondità della Terra poteva riscaldare l’acqua abbastanza da mantenerla liquida. Ancora oggi, lo vediamo accadere in luoghi come l’Antartide e l’Artico canadese, dove nonostante la temperatura gelida, ci sono grandi laghi sotterranei, sostenuti dal calore generato dalla radioattività. Ci sono anche alcune prove che suggeriscono che questo potrebbe essere il caso anche – attualmente – al polo sud di Marte ”.

Il dottor Ojha ha continuato: “Alcune delle lune trovate nel sistema solare (ad esempio, Europa o Encelado) hanno notevoli quantità di acqua allo stato liquido nel sottosuolo, anche se le loro superfici sono completamente ghiacciate. Questo perché il loro interno è continuamente agitato dagli effetti gravitazionali dei grandi pianeti attorno ai quali orbitano, come Saturno e Giove. Un effetto simile a quello della nostra Luna sulle maree, ma molto più forte. Questo rende le lune di Giove e Saturno le prime candidate per trovare la vita nel nostro Sistema Solare e molte missioni future sono state pianificate per esplorare questi corpi celesti ”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *