Un gruppo di uccelli tipici delle Hawaii sta rischiando l’estinzione e la loro unica speranza sembrano essere milioni di zanzare. Una volta esistevano più di 50 specie di cianerpe hawaiane, piccoli uccelli colorati che riempivano le foreste native e che hanno un significato importante nella cultura nativa hawaiana. Ora quelle foreste stanno diventando silenziose. Sono rimaste solo 17 specie questi uccelli, alcune delle quali si prevede si estingueranno in natura già quest’anno. Gli uccelli stanno scomparendo a causa della malaria aviaria, trasmessa dalle zanzare introdotte accidentalmente alle Hawaii nel 1800. Senza immunità, gli uccelli nativi spesso muoiono dopo una singola puntura di zanzara.

Tuttavia, piccoli gruppi di uccelli sono sopravvissuti perché al di sopra dei 4.000-5.000 piedi di altitudine, le temperature sono troppo fredde per le zanzare, quindi gli uccelli sono rimasti al sicuro. Ma con l’aumento delle temperature dovuto ai cambiamenti climatici, le zanzare stanno avanzando verso l’ultimo rifugio rimasto degli uccelli. Come ultimo tentativo per salvare gli uccelli, una coalizione di gruppi, tra cui il National Park Service, lo stato delle Hawaii e organizzazioni no-profit come il Maui Forest Bird Recovery Project, sta prendendo in prestito una strategia dai dipartimenti di sanità pubblica.

Laddove le zanzare diffondono malattie tra gli esseri umani, spesso vengono rilasciate zanzare modificate che non sono in grado di riprodursi con successo, contribuendo a sopprimere la popolazione complessiva delle zanzare. Ora lo stesso si sta facendo per salvare gli uccelli. Il metodo, noto come “tecnica degli insetti incompatibili”, si basa su batteri presenti in natura. Proprio come gli esseri umani, anche gli insetti hanno batteri che vivono nel loro corpo. Un tipo, noto come Wolbachia, si trova già nelle zanzare di Maui e ne altera le cellule riproduttive.

Quando due insetti hanno entrambi lo stesso ceppo di Wolbachia, possono riprodursi con successo. Ma quando un maschio e una femmina hanno un ceppo diverso, le loro uova non si schiudono. Finora, a 10 milioni di zanzare maschi è stato somministrato un ceppo diverso di Wolbachia e sono stati rilasciati in elicottero nelle foreste d’alta quota di Maui. Poiché le femmine si accoppiano solo una volta, l’accoppiamento con un maschio modificato garantisce che non abbiano prole, contribuendo a ridurre la popolazione complessiva. Poiché le zanzare vivono solo poche settimane, i rilasci di elicotteri devono essere continui per contenere la popolazione, spesso in luoghi di difficile accesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *