Il segreto per essere più attraenti è non mangiare carboidrati complessi. Lo dice uno studio dell’Università di Montpellier, in Francia, pubblicato sulla rivista ad accesso libero PLOS ONE. I ricercatori hanno dimostrato che il consumo di questi alimenti incide sui tratti del volto, rendendolo meno armonioso e gradevole alla vista.

La dieta occidentale, scrive AGI, è composta in larga misura da carboidrati raffinati, alimenti lavorati in modo da eliminare gran parte del loro valore nutrizionale, come la farina bianca, lo zucchero da tavola e gli ingredienti di molti prodotti confezionati. Precedenti ricerche hanno messo in relazione l’aumento del consumo di carboidrati raffinati con effetti negativi sulla salute, come obesità, diabete di tipo II e malattie cardiovascolari.

Prove preliminari hanno suggerito che consumare grandi quantità di carboidrati complessi potrebbe anche agire su caratteristiche non mediche, come il fascino di una persona. Per esplorare ulteriormente questa possibilità, gli scienziati hanno condotto uno studio su 104 adulti francesi di sesso maschile e femminile. I ricercatori hanno somministrato ad alcuni dei partecipanti una colazione ad alto contenuto glicemico, con carboidrati raffinati noti per aumentare i livelli di zucchero nel sangue, mentre altri hanno ricevuto una colazione a basso contenuto glicemico. Le partecipanti hanno anche compilato un questionario per valutare le loro abitudini relative al consumo di carboidrati complessi.

Ad altri volontari eterosessuali è stato poi chiesto di valutare il grado di attrattività facciale dei partecipanti di sesso opposto, immortalati in foto scattate due ore dopo la colazione fornita. La ricerca ha incluso solo partecipanti e volontari con quattro nonni di origine europea, per ridurre l’eterogeneità culturale. L’analisi statistica ha mostrato che il volto di coloro che avevano ricevuto una colazione ad alto contenuto glicemico era percepito come poco affascinante, sia per gli uomini che per le donne.

Anche adottare una dieta che prevedeva l’inserimento abituale di carboidrati raffinati a colazione e durante gli spuntini ha portato a valutazioni più basse, sebbene l’assunzione di questi alimenti ad alto contenuto energetico in questi momenti fosse associato dai partecipanti a maggiori benefici per il fisico e, dunque, maggior fascino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *