Nei decenni trascorsi da quando le lontre marine hanno riconquistato il loro antico habitat nell’Elkhorn Slough, un estuario costiero dominato da una palude salata nella California centrale, si sono verificati notevoli cambiamenti positivi nel paesaggio.

A rivelarlo, come scrive AGI, uno studio della Duke University, pubblicata su Nature. L’erosione degli argini dei torrenti e dei bordi delle paludi nelle aree con grandi popolazioni di lontre è rallentata fino al 90%, in un momento in cui l’innalzamento del livello del mare e le correnti di marea più forti dovrebbero causare l’effetto opposto. Mentre l’erosione rallenta, la vegetazione delle paludi e dei corsi d’acqua si sta riprendendo e sta mettendo radici fitte che possono resistere sempre di più alle inondazioni e alle onde. Contro ogni previsione, le caratteristiche biofisiche essenziali per rendere l’estuario un ecosistema costiero resiliente sono in via di guarigione; ciò è dovuto, in gran parte, all’insaziabile appetito delle lontre di mare per i granchi di palude mangiatori di piante. “Ricostruire questi argini e ripristinare queste paludi costerebbe milioni di dollari all’uomo”, ha dichiarato Brian Silliman, Rachel Carson Distinguished Professor of Marine Conservation Biology presso la Nicholas School of the Environment della Duke University e direttore del Duke RESTORE e del Duke Wetland and Coasts Center.

“Le lontre marine le stabilizzano gratuitamente in cambio di un banchetto di granchi a volontà – ha continuato Silliman, anche autore senior del lavoro -. Rimodellare una linea di costa di solito è qualcosa che solo le forze fisiche su larga scala, come gli uragani o le variazioni estreme del flusso di marea, possono fare. Il nostro studio, che si avvale di esperimenti sul campo, modellizzazione e misurazioni effettuate prima e dopo, sottolinea i benefici di vasta portata che possono diffondersi a cascata in un ecosistema quando viene reintrodotto un predatore principale. Viene da chiedersi: In quanti altri ecosistemi del mondo la reintroduzione di un ex predatore principale potrebbe produrre benefici simili?”, ha osservato Silliman.

Un tempo gli estuari della costa occidentale erano un importante habitat per il foraggiamento e la nursery delle lontre marine, che nelle loro paludi protettive trovavano un’ampia disponibilità di gustosi granchi e un rifugio sicuro per i cuccioli di lontra. Per stare al caldo nelle gelide acque dell’Oceano Pacifico, le lontre adulte hanno bisogno di mangiare circa il 25% del loro peso corporeo, ovvero circa 20 o 25 chili al giorno, e i granchi sono uno dei loro pasti preferiti. Le lontre marine hanno prosperato in estuari come Elkhorn Slough fino a quando i commercianti di pellicce hanno cacciato la popolazione locale di lontre fino a portarle quasi all’estinzione. Gli esemplari sopravvissuti furono cacciati dall’agricoltura, dallo sviluppo e da altre attività umane. La popolazione di granchi di Elkhorn Slough esplose.

“I granchi mangiano le radici delle paludi salmastre, scavano nel terreno delle paludi e, col tempo, possono causare l’erosione e il collasso di un’area paludosa salmastra”, ha spiegato Silliman. “Questo è accaduto a Elkhorn Slough per decenni, fino a quando le lontre marine non hanno deciso di riabitare l’estuario a metà degli anni ’80”, ha affermato Brent Hughes, professore associato di biologia alla Sonoma State University ed ex borsista post-dottorato nel laboratorio di Silliman alla Duke.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *