Scoperti i composti chiave alla base del sapore caratteristico delle arance. A rivelarlo uno studio internazionale pubblicato su Science Advances. Valutando più di 179 campioni di succo provenienti da una varietà di arance, mandarini e ibridi, Zhen Fan, dell’University of Florida, e colleghi hanno identificato 26 composti principali che determinano il tipico sapore all’arancia, tra cui sette esteri, ovvero una classe di composti organici largamente presenti in natura che generalmente hanno odori gradevoli, molti dei quali sono presenti negli aromi che caratterizzano frutti e fiori, che la differenziano dal sapore del mandarino. Le analisi genetiche hanno rivelato che un gene dell’alcol aciltransferasi, mai descritto prima, è il responsabile della produzione di questi esteri, indicando un potenziale marcatore del DNA per prevedere le proprietà del sapore di ibridi resistenti alle malattie, simili alle arance.

L’arancia dolce o Citrus sinensis, un ibrido tra pomelo e mandarino, è una delle colture di agrumi più importanti dal punto di vista economico negli Stati Uniti. Ma, le arance dolci sono altamente suscettibili alla malattia del rinverdimento degli agrumi, nota come Huanglongbing. In particolare, in Florida la diffusione di questa malattia fra le colture di arance è costata al settore agrumi miliardi di dollari di perdite economiche. A causa della limitata diversità genetica delle arance dolci, i ricercatori hanno avviato un’indagine volta a identificare un modo di allevare ibridi simili alle arance dolci che siano resistenti all’Huanglongbing. Tuttavia, finora era stato difficile rinvenire i composti specifici responsabili del gusto delizioso delle arance dolci.

La squadra di scienziati ha valutato i profili gustativi e i componenti chimici dei succhi di oltre 179 arance, mandarini e ibridi coltivati in Florida, comprese le arance dolci e un nuovo ibrido, noto sotto il nome di US SunDragon. I ricercatori hanno reclutato assaggiatori di agrumi addestrati per valutare il grado del sapore di un’arancia di un massimo di 40 campioni di succo per stagione, tra il 2016 e il 2021. Utilizzando un modello di apprendimento automatico “random forest”, il gruppo di ricerca ha identificato 26 composti chimici in grado di predire il sapore di arancia, tra cui i composti attivi degli odori e gli esteri prodotti dall’alcol aciltransferasi 1 di C. sinensis, un tipo di gene precedentemente descritto in altri frutti.

“Questa nuova scoperta accelererà notevolmente la selezione di ibridi simili all’arancia”, hanno dichiarato gli autori. “Le piantine possono essere selezionate in una fase iniziale, molto prima che producano frutti, e l’aroma di arancia può essere recuperato più rapidamente con un minor numero di generazioni di incroci”, hanno concluso i ricercatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *