Eoo invita tutti quanti a non cambiare canale quando vi presentano le immagini crude. Le bombe, gli spari, i corpi ammucchiati uno sull’altro e le case ridotte in macerie. Quelle stanze, in cui fino a poco tempo fa la vita scorreva tranquilla, tra una lezione di pianoforte, una cena in famiglia e una domenica sera passata a guardare la tv, ora non esistono più.

Non avvinghiatevi sui nomi e sugli schieramenti, ma sulle immagini. Fra i tanti modi per non essere banali, questo non è secondario.

Non spegniamo, non giriamo il canale, non abbiamo paura dei cazzotti allo stomaco che le immagini sferrano. Assumiamo la nostra dose quotidiana di disumanità. Perchè questo è ciò che succede là fuori e ignorarlo non servirà a fermare la guerra.

Consideratelo uno dei tanti modi per ricordarci di poter essere migliori, più di quanto non siamo. Semplicemente umani.

È sufficiente per poter dire di fare qualcosa, nella misura in cui la somma di tanti umani potrà essere la misura del nostro futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.