Senza pretesa analitica, con la sola forza della speranza. Poche parole per parlare di ciò che in questi giorni accade e che noi non vogliamo nemmeno nominare. Contro la quale noi siamo, senza se e senza ma.

Ma se dove dantescamente si puote noi potessimo fare arrivare il nostro messaggio con una bottiglia, vorremmo che immediatamente decidessero tutti di tornare indietro al momento in cui un fallimento ha consacrato il disastro. Il fallimento del dialogo e della ricerca di una soluzione che per forza deve esserci. Eoo non ha preclusioni o scelte di campo che determinino a priori dove stiano ragioni o torti, prima del parlare delle armi, il torto assoluto. Noi siamo l’Europa, il continente storico, quello che pensa di avere già dato, anche in tempi recenti, troppo ai disastri del fallimento del dialogo.

Siamo illusi, sì. Come tanti sappiamo che nessuno ci ascolterà e dove si puote si vuol altro. Ma faremmo un torto al nostro spirito se nemmeno lasciassimo partire questo tanto flebile quanto inutile pensiero. Vi lasciamo in compagnia della traduzione delle parole di Sting, la canzone è Russians. Vi prego di leggere ed interpretare, non di schierarvi politicamente: nella ricerca del dialogo si sta dalla parte del tentativo di risolvere e basta. Se proprio dovete schierarvi, beh, amore, o qualche suo succedaneo, se non volete essere troppo sdolcinati o figli dei fiori. Ed ascoltate Sting.

Un crescente sentimento d’isteria

condizionato dal rispondere alle minacce
nei discorsi retorici dei Sovietici

Krushchev ha detto – vi seppelliremo tutti –
non sottoscrivo questa opinione
sarebbe una mossa talmente insensata
se anche i Russi amano i propri figli

Come posso salvare mio figlio
dal giocattolo di morte di Oppenheimer
non c’è un predominio del buon senso
da entrambi i lati della barricata politica

Condividiamo la stessa biologia
indifferentemente dall’ideologia
credetemi se vi dico
spero che anche i Russi amino i propri figli

Non ci sono precedenti storici
di parole messe in bocca a un Presidente
non esistono guerre che possono essere vinte
è una bugia a cui non crediamo più

Reagan dice – vi proteggeremo tutti –
non sottoscrivo questa opinione
credetemi se vi dico
spero che anche i Russi amino i propri figli

Condividiamo la stessa biologia
indifferentemente dall’ideologia
ciò che potrebbe salvarci, tu ed io
è che anche i Russi amino i propri figli”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.