Numerosissime sono le evidenze scientifiche e gli studi clinici che hanno dimostrato il ruolo benefico della dieta mediterranea in cui l’olio extravergine di oliva (EVO) occupa il posto d’onore nel contrastare l’insorgenza delle patologie cronico-degenerative non trasmissibili come il diabete mellito, l’ipertensione arteriosa, la sindrome metabolica, le patologie neoplastiche, le malattie a carico del sistema nervoso, la malattia renale cronica e nell’aumentare la longevità.

Un consumo quotidiano di olio EVO come principale condimento, scrive l’AGI, riduce il rischio cardiovascolare, migliora il metabolismo glucidico e lipidico, aiuta il controllo della pressione arteriosa e riduce lo stato infiammatorio e lo stress ossidativo, questi ultimi sono fattori implicati nel processo di invecchiamento. Un recente studio in vitro condotto presso l’Università degli Studi di Roma Tor Vergata ha valutato la capacità pro-apoptotica e antiproliferativa degli estratti di foglie di ulivo, mediante l’utilizzo di “Incucye S3 Live-Cell Analysis System” (Incucyte), ossia uno strumento che rende possibile l’analisi del comportamento cellulare in tempo reale. Lo studio ha confermato la possibile azione anti-tumorale esercitata dai composti minori polari (CMP) dell’olio EVO anche su questa linea cellulare mai precedentemente studiata in letteratura.

Un ulteriore studio, attualmente in corso e condotto dal Team coordinato da Annalisa Noce presso il policlinico Tor Vergata, sta valutando gli effetti della combinazione della somministrazione di una dieta Mediterranea personalizzata con l’assunzione di un alimento a fini medici speciali a base di micro composito palmitoiletanolamide-rutina ed idrossitirosolo (un derivato dell’olio di oliva) in una popolazione di pazienti affetti da sindrome metabolica. “I dati preliminari mettono in luce l’effetto benefico dell’alimento a fini medici speciali testato, in associazione con una dieta Mediterranea personalizzata, nonché l’assenza di effetti collaterali”, spiega Noce.

La dieta mediterranea è riconosciuta come patrimonio culturale immateriale dell’UNESCO dal 2010 ed è il modello nutrizionale, ormai diffuso su scala mondiale, tipico di tutto il bacino mediterraneo, a cui sono stati riconosciuti numerosi effetti salutistici.

L’olio EVO rappresenta pertanto uno degli alimenti cardine della dieta Mediterranea ed è ricco in composti naturali bioattivi dalle innumerevoli proprietà benefiche. Infatti, oltre a contenere acidi grassi mono-insaturi, è noto per il suo contenuto in CMP, a cui sono ascrivibili le sue proprietà salutistiche. Tra questi si annoverano il tirosolo, l’idrossitirosolo, l’oleuropeina, l’oleacina e l’oleocantale dalle importanti proprietà antiossidanti e anti-infiammatorie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *