Amo il calcio. Ripetuto in altri articoli, a maggior ragione un incipit necessario per quello che andrò a dire.
Se mai arriverò alla vecchiaia, sano o con una semplice malattia lievemente invalidante, ai miei parenti ho espressamente suggerito di abbonarmi alle piattaforme più note che proiettano calcio: mettetemi davanti alla televisione 13 ore (al netto delle canoniche otto ore per dormire, delle due ore per mangiare, dell’oretta per le pratiche di pulizia e bagno) e lasciatemi lì a vedere calcio.

Io non romperò, come se non ci fossi. E guarderò tutti coloro che correranno dietro un pallone, femmine o maschi che siano. Coerenza vuole che di questi tempi ci siano gli Europei di calcio femminile, che io sto guardando, come appassionato e come tifoso (ahimè già tradito). Stiamo arrivando all’epilogo, ma l’Italia non ha superato nemmeno le fasi a girone. Tutti carichi, tutti gasati, sarà che ai recenti mondiali abbiamo raggiunto i quarti, sarà che finalmente, tutti d’accordo, anche il calcio femminile diventa professionistico (al netto delle solite stupidaggini che prima o poi speriamo di perdere per strada di coloro che a tutti i costi vogliono creare fenomeni di sessismo negativo: il calcio femminile va trattato in tutto e per tutto con ovvia normalità, non con inutile ridondanza di epiche inappropriate. Il calcio femminile sta alla pari calcio maschile), sarà che abbiamo visto il campionato di serie A e la tecnica complessiva delle calciatrici crescere, belle partite.

Bene, ci aspettavamo qualcosa di meglio. Allora, in primis, ho visto atlete italiane mal preparate, cotte e fritte. Passeggiare per il campo, in tutte le partite dei gironi, tre. Poi: Italia Francia 1 – 5!! Abbiamo affrontato la straordinaria squadra francese come nessun allenatore esperto avrebbe fatto: una delle squadre più tecniche, loro, affrontata a viso aperto, con calciatrici tecniche, le nostre, ovviamente tecnicamente inferiori. Ci hanno ribaltato! nel primo tempo, 5 gol.

Cosa avrebbe fatto qualsiasi allenatore per cercare di portare a casa la ghirba, contro le francesi? Della preparazione abbiamo detto, quindi prepararle meglio. Poi, fisico e catenaccio, catenaccio, la nostra specialità: nel secondo tempo, e con questo schema, abbiamo vinto 1 a 0, perché cinque berrette, come detto, le abbiamo prese nel primo tempo. Ah, aggiungo, ogni volta che la telecamera, impietosamente, inquadrava la nostra mister, le uniche parole che vedevo nel labiale erano “calma!”.

Uno schema, lo schema “calma”, non previsto a Coverciano. Ho giocato a pallone e i miei allenatori, quelli buoni, ogni volta che mi vedevano calmo mi dicevano di accomodarmi in panca, esprimendo lì tutta la calma di cui ero capace.
Seconda partita. Repetita iuvant: preparazione sbagliata, si camminava. Italia-Islanda, le islandesi sono lente ma fisiche. Cosa serviva? Della tecnica, ovvio. No questa volta le giocatrici tecniche le lasciamo in panca, mettiamo le nostre piastrone, spompe, che pagano pesi e centimetri alle islandesi. Finisce 1 a 1. Solita calma, per non perdere l’abbrivio.

La qualificazione è rinviata all’ultima partita, abbordabilissima, con il Belgio. Perdiamo 1 a 0. Senza cazzimma. Mi limito a dire: troppa calma. Spettacolo indegno. Ora, forse non vi fiderete tanto dei miei commenti. Al netto di questi, e dati i presupposti, a qualsiasi allenatore di qualsiasi categoria cosa mai sarebbe successo, dopo un Europeo così?

A casa! Ma non è andata così. Vien da pensare che questa abbia qualche santo protettore in paradiso, che inutilmente la sostenga, bravissima donna, per l’amor di Dio, ma tecnicamente scarsa. Forse troppo calma. Anche perché il movimento ha perso una occasione per fidelizzare sempre più interesse.

One thought on “Licenziate l’allenatrice della nazionale italiana di calcio femminile”

  1. Сіao a tuttі, rаgаzziǃ Lo ѕо, il mіo mеsѕaggіо рotrеbbе еѕsеre trоррo sресifiсo,
    Μа miа ѕorella ha trоvаtо un bell’uomo qui e ѕi ѕonо ѕpоsаti, ԛuindі сhe ne diсi di mе?! 🙂
    Но 25 аnni, Εlеna, dallа Rоmania, cоnoscо anchе l’inglеse е іl tеdeѕcо
    E… ho una mаlаttіa ѕресіfiса, сhіamаtа nіnfоmaniа. Сhiѕѕà cоѕ’è questo mі рuò саpirе (mеglіo dirlо ѕubіto)
    Αh si, io cucinо molto gustosоǃ е аmo nоn ѕоlo cuсinаre ;))
    Sonо unа rаgazzа verа, nоn una рrоstіtutа, е cerсo unа relazіоne sеria е caldа…
    Аd ogni modо, potеtе trоvare il mіo рrofilo ԛui: http://dennaholdpicorturk.ga/user-46906/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.