Chi l’ha detto che i videogiochi sono un male per i bambini? Da Ginevra arriva una notizia che farà piacere a molti: i videogiochi possono aiutare i bambini a migliorare le proprie capacità di lettura.

I risultati, pubblicati sulla rivista Nature Human Behaviour, dimostrano capacità di lettura migliorate dopo appena dodici ore di allenamento. In particolare, questi miglioramenti persistono nel tempo, al punto che i voti delle scuole di lingua migliorano a più di un anno dopo la fine della formazione. Decodificare le lettere in suono è un punto chiave per imparare a leggere, ma non è sufficiente per padroneggiarlo.

“La lettura fa appello a molti altri meccanismi essenziali a cui non necessariamente pensiamo, come sapere come muovere gli occhi sulla pagina o come usare la nostra memoria per collegare le parole insieme in una frase coerente”, sottolinea Daphné Bavelier, professore nella facoltà di psicologia e scienze della formazione (Fpse) dell’Unige”.

I videogiochi d’azione migliorano la visione, l’attenzione, la memoria e la flessibilità cognitiva”, spiega Angela Pasqualotto, prima autrice di questo studio, che si basa sulla sua tesi di dottorato presso il Dipartimento di Psicologia e Scienze Cognitive dell’Università di Trento. In quest’ottica è stato progettato un videogioco che combina videogiochi d’azione con minigiochi che allenano diverse funzioni esecutive, come la memoria e la flessibilità cognitiva, funzioni che entrano in gioco durante la lettura.

“L’universo di questo gioco è un mondo alternativo in cui il bambino, accompagnato dal suo Raku, una creatura volante, deve svolgere diverse missioni per salvare pianeti e progredire nel gioco”, aggiunge Angela Pasqualotto. L’idea è quella di riprodurre le componenti di un gioco d’azione, senza incorporare la violenza, in modo che sia adatto ai bambini piccoli. “Ad esempio, il Raku vola attraverso una pioggia di meteoriti, muovendosi per evitarli o puntando su di loro per indebolirne l’impatto, mentre raccoglie risorse utili per il resto del gioco, un po’ come si trovano nei videogiochi d’azione”.

Gli scienziati hanno lavorato con 150 scolari italiani dagli 8 ai 12 anni, divisi in due gruppi: il primo ha giocato al videogioco sviluppato dal team, e il secondo ha giocato a Scratch, un gioco che insegna ai bambini a programmare. Entrambi i giochi richiedono controllo dell’attenzione e funzioni esecutive, ma in modi diversi.

Il videogioco d’azione richiede ai bambini di svolgere compiti entro un limite di tempo come ricordare una sequenza di simboli o rispondere solo quando il Raku emette un suono specifico aumentando la difficoltà di questi compiti in base alle prestazioni del bambino. Scratch, il gioco di controllo, richiede pianificazione, ragionamento e risoluzione dei problemi. I bambini devono manipolare oggetti e strutture logiche per stabilire la sequenza di programmazione desiderata.

“In primo luogo, abbiamo testato la capacità dei bambini di leggere parole e abbiamo anche condotto un test che misura il controllo dell’attenzione del bambino, una capacità che sappiamo viene allenata dai videogiochi d’azione”, spiega Daphne Bavelier. I bambini hanno poi seguito la formazione con il videogioco d’azione o il gioco di controllo, per sei settimane, due ore alla settimana sotto la supervisione della scuola. I bambini sono stati testati a scuola dai medici del Laboratory of Observation Diagnosis and Education (Unitn). I risultati dimostrano un miglioramento a lungo termine delle capacità di lettura.

Poco dopo la fine della formazione, gli scienziati hanno ripetuto i test su entrambi i gruppi di bambini. “Abbiamo riscontrato un miglioramento di 7 volte nel controllo dell’attenzione nei bambini che hanno giocato al videogioco d’azione rispetto al gruppo di controllo”, afferma Angela Pasqualotto. Ancora più notevole, il gruppo di ricerca ha osservato un chiaro miglioramento nella lettura, non solo in termini di velocità di lettura, ma anche in accuratezza, mentre nessun miglioramento è stato notato per il gruppo di controllo.

Questo miglioramento dell’alfabetizzazione si verifica anche se il videogioco d’azione non richiede alcuna attività di lettura. “Ciò che è particolarmente interessante di questo studio è che abbiamo effettuato tre ulteriori test di valutazione a 6 mesi, 12 mesi e 18 mesi dopo l’allenamento. In ogni occasione, i bambini addestrati si sono comportati meglio del gruppo di controllo, il che dimostra che questi miglioramenti sono stati sostenuti”, spiega ancora Pasqualotto.

Inoltre, i voti in italiano dei bambini formati sono migliorati notevolmente nel tempo, mostrando un virtuoso miglioramento della capacità di apprendimento. “Gli effetti sono quindi a lungo termine, in linea con il videogioco d’azione che rafforza la capacità di imparare a imparare”, afferma Daphne Bavelier. Nell’ambito dell’Nccr Evolving Language e in collaborazione con Irene Altarelli (coautrice dell’articolo e ricercatrice presso LaPsyDE, Università di Parigi), il gioco sarà adattato in tedesco, francese e inglese. “Durante la lettura, la decodifica è più o meno difficile a seconda della lingua. L’italiano, ad esempio, è molto trasparente – ogni lettera è pronunciata – mentre il francese e l’inglese sono piuttosto opachi, con conseguenti difficoltà di apprendimento. Leggere in lingue opache richiede la capacità di apprendere le eccezioni, di imparare come una varietà di contesti influisca sulla pronuncia e richiede una maggiore dipendenza dalla memorizzazione”, commenta Irene Altarelli.

I vantaggi dei videogiochi d’azione sull’acquisizione della lettura si estenderanno ad ambienti di apprendimento così complessi come la lettura in francese o inglese? Questa è la domanda a cui questo studio aiuterà a rispondere. Inoltre, il videogioco sarà fruibile interamente da casa, da remoto, così come la somministrazione dei test di lettura e di attenzione, in modo da integrare le lezioni scolastiche anziché sottrarre tempo all’orario scolastico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.