Il pensiero strategico dei topi è simile a quello dei bambini. Lo rivela uno studio guidato da Kishore Kuchibhotla, neuroscienziato della Johns Hopkins University, pubblicato su Current Biology. La ricerca, che approfondisce la comprensione della cognizione animale, potrebbe portare a identificare le basi neurali che comandano il pensiero strategico.

Kuchibhotla, che studia l’apprendimento negli esseri umani e negli animali e che da tempo lavora con i topi, si è chiesto perché i roditori spesso ottengano risultati scarsi nei test quando invece sanno come ottenere buoni risultati. Con un semplice esperimento e agendo come una sorta di “psicologo dei topi”, scrive AGI, lui e la sua squadra hanno trovato la soluzione.

“Sembra che gran parte di questo divario tra conoscenze e prestazioni sia dovuto al fatto che l’animale si impegni in una forma di esplorazione: ciò che sta facendo è, dunque, molto intelligente”, ha detto Kuchibhotla. “È difficile dire che gli animali stiano facendo ipotesi, ma il nostro punto di vista è che gli animali, come gli esseri umani, possano fare ipotesi e testarle, usando processi cognitivi superiori”, ha continuato Kuchibhotla. In precedenza, il laboratorio di Kuchibhotla aveva scoperto che gli animali sanno molto più di quanto dimostrino nei test. La squadra di scienziati aveva due teorie su cosa potesse essere alla base di questo divario: i topi commettevano errori perché erano stressati, oppure stavano facendo qualcosa di più mirato, ovvero esplorare e testare le loro conoscenze. Per capirlo, Kuchibhotla e Ziyi Zhu, una studentessa laureata in neuroscienze, hanno ideato un nuovo esperimento. I topi hanno ascoltato due suoni. Per un suono dovevano girare una ruota a sinistra. Per l’altro suono, dovevano girare la ruota a destra. Quando i topi si comportavano correttamente venivano premiati.

I ricercatori hanno osservato che, quando sentivano uno dei due suoni per prove consecutive, i topi giravano la ruota a sinistra per un po’, poi passavano a girarla a destra, apparentemente sbagliando, ma in realtà con uno scopo preciso. “Abbiamo scoperto che, quando l’animale sta esplorando, si impegna in una strategia molto semplice, che è: ‘Vado a sinistra per un po’, capisco le cose, e poi cambio e vado a destra per un po””, ha detto Kuchibhotla. “I topi sono più strategici di quanto si possa credere”, ha aggiunto Kuchibhotla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *