In ambito lavorativo la realtà virtuale può favorire la partecipazione e la creatività. Queste, in estrema sintesi, le conclusioni di uno studio condotto dall’università di Trento e pubblicato sulla rivista ‘Scientific Reports’. Immaginare di incontrare i colleghi e le colleghe di lavoro nel cosiddetto ‘metaverso’ per una riunione, magari in un ambiente che simuli una spiaggia caraibica, semplicemente indossando un visore, potrebbe non essere più fantascienza tra qualche anno.

Quali, scrive AGI, sono gli effetti che questo tipo di contesto digitale potrebbe avere sulla mente delle persone? Lo ha indagato Nicola De Pisapia, docente di Psicobiologia e Psicologia fisiologica al dipartimento di Psicologia e Scienze cognitive.

L’intenzione generale della ricerca era mettere a confronto l’impatto psicologico sugli individui di tre contesti di interazione professionale: la videoconferenza online, la riunione in presenza e quella in una realtà virtuale tridimensionale. Osservare e poi misurare gli effetti di queste diverse modalità di comunicazione sulle dinamiche di gruppo, sulle prestazioni cognitive e sul benessere individuale. Si tratta di uno dei pochi studi scientifici a livello internazionale di questo tipo.

Terna, azienda italiana che si occupa di reti per la trasmissione di energia elettrica, interessata allo studio ha messo a disposizione dipendenti e spazi per il suo svolgimento. L’indagine, alla quale ha collaborato Gregorio Macchi, del dipartimento di Psicologia e Scienze cognitive, che su questo progetto ha incentrato la sua tesi di laurea, ha interessato una sessantina di persone, suddivise in quattro gruppi.

Ognuno di questi si è riunito in una sala meeting, su una piattaforma online e in realtà virtuale e, in ciascuna di queste condizioni ha dovuto lavorare in team per discutere possibili soluzioni di un problema, nel mentre un osservatore nascosto misurava diversi aspetti del loro modo di interagire.

Al termine delle riunioni ai partecipanti e alle partecipanti sono stati sottoposti diversi questionari per raccogliere elementi riferiti alla capacità creativa di elaborare idee innovative, al grado di coinvolgimento nell’attività richiesta, all’eventuale stress provocato dall’uso del visore durante l’immersione nella situazione virtuale.

“Il quadro che è emerso – spiega De Pisapia – non è semplice. Non c’è uno strumento buono e uno cattivo. Tutti sappiamo che il remoto offre vantaggi ma anche svantaggi. Quello che abbiamo fatto è stato cercare di quantificare e misurare questi aspetti e non lasciarli solo alle sensazioni personali”.

In sintesi, i test hanno dimostrato che le riunioni in presenza facilitano, più delle altre modalità di lavoro, il coinvolgimento dei partecipanti che riescono così a sviluppare valide idee. Però, fanno registrare una prevalenza di emozioni negative e stress. Soprattutto se nel gruppo sono presenti superiori si percepisce il rapporto di gerarchia. Inoltre, c’è più competitività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *