I ricercatori hanno catturato il primo bagliore di un’enorme collisione planetaria nello spazio esterno. Lo studio, pubblicato su Nature, riporta l’avvistamento di due esopianeti di ghiaccio giganti che si sono scontrati attorno a una stella simile al sole, creando un’esplosione di luce e pennacchi di polvere. I risultati mostrano il bagliore del calore e la conseguente nube di polvere, che si è spostata davanti alla stella madre oscurandola nel tempo.

Come riportato dall’AGI, La squadra internazionale di astronomi si è formata dopo che un appassionato ha osservato la curva di luce della stella e ha notato qualcosa di strano. Il sistema è raddoppiato in luminosità alle lunghezze d’onda dell’infrarosso circa tre anni prima che la stella iniziasse a spegnersi nella luce visibile. “Ad essere sincero, questa osservazione è stata una vera sorpresa per me: quando abbiamo inizialmente condiviso la curva di luce visibile di questa stella con altri astronomi, abbiamo iniziato a osservarla con una rete di altri telescopi”, ha dichiarato Matthew Kenworthy, dell’Università di Leiden e coautore dello studio.

“Un astronomo sui social media ha fatto notare che la stella si è illuminata nell’infrarosso per un migliaio di giorni prima dell’appannamento ottico”, ha continuato Kenworthy. “Ho capito allora che si trattava di un evento insolito”, ha raccontato Kenworthy. La squadra di astronomi professionisti e dilettanti ha studiato intensamente la stella, monitorando anche le variazioni di luminosità nei due anni successivi. La stella è stata chiamata ASASSN-21qj, dal nome della rete di telescopi che per prima ha rilevato l’affievolimento della stella alle lunghezze d’onda visibili.

I ricercatori hanno concluso che la spiegazione più probabile è che due esopianeti giganti di ghiaccio si siano scontrati, producendo il bagliore infrarosso rilevato dalla missione NEOWISE della NASA, che utilizza un telescopio spaziale per andare a caccia di asteroidi e comete.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *