Un continente dimenticato, nell’area che oggi copre i Balcani e l’Anatolia: è quanto – come riporta l’AGI – ha scoperto un team di paleontologi e geologi francesi, americani e turchi guidati da ricercatori del CNRS Delegazione Parigi Michelangelo. La scoperta cambia la mappa finora conosciuta delle colonizzazioni e delle migrazioni delle specie esistenti 50 milioni di anni fa.

Battezzato Balkanatolia, era anticamente popolato da una fauna molto particolare. Secondo gli scienziati, avrebbe permesso ai mammiferi dell’Asia di colonizzare l’Europa 34 milioni di anni fa. I risultati sono stati pubblicati Earth Science Reviews.

Per milioni di anni durante l’Eocene (55-34 milioni di anni fa), l’Europa occidentale e l’Asia orientale formarono due masse continentali distinte con faune di mammiferi molto diverse: le foreste europee ospitavano una fauna endemica con, ad esempio, paleothera (un gruppo estinto lontanamente imparentato con i cavalli odierni, ma più simile ai nostri tapiri), mentre l’Asia era popolata da faune piu’ cosmopolite comprese le famiglie di mammiferi che si trovano oggi in questi due continenti. Sappiamo che circa 34 milioni di anni fa, l’Europa occidentale fu colonizzata da specie asiatiche, portando ad un importante rinnovamento della fauna vertebrata e all’estinzione dei suoi mammiferi endemici: un evento brutale chiamato “Big cut”.

Sorprendentemente, i fossili trovati nei Balcani indicano la presenza di mammiferi asiatici nell’Europa meridionale molto prima del Grande Spartiacque, suggerendo una precedente colonizzazione. I ricercatori del CNRS forniscono una risposta a questo paradosso. Per questo, hanno esaminato le precedenti scoperte paleontologiche, alcune risalenti al XIX secolo, a volte rivalutando la loro datazione alla luce dei dati geologici attuali.

Questo esame rivela che per gran parte dell’Eocene, la regione corrispondente agli odierni Balcani e Anatolia era dotata di una fauna terrestre omogenea, ma distinta da quella dell’Europa e dell’Asia orientale. Questa fauna esotica includeva, ad esempio, marsupiali con affinita’ sudamericane ed embritopodi (grandi mammiferi erbivori simili agli ippopotami) che erano stati precedentemente trovati in Africa.

One thought on “Balkanatolia, il continente dimenticato”

  1. Simply wish to say your article is as astonishing. The clarity to your publish is simply cool and that i can assume you are an expert on this subject.

    Well with your permission allow me to grab your feed to keep updated with
    drawing close post. Thanks 1,000,000 and please carry on the enjoyable work.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *